Ascolti radio: i nuovi dati di ascolto diramati da Ter. Confermata leadership Rtl ma crescono quasi tutti i network

Ieri in tarda serata Ter ha infatti resi pubblici i dati sull’audience radiofonica dell’anno appena concluso. Rilevazioni che vanno da maggio a dicembre ma considerabili annuali perché quelli del primo trimestre erano saltati a causa di una serie di problemi di messa a punto della nuova metodologia che vede coinvolti ben tre istituti Ipsos, Gfk e Doxa.  Quest’ultima tra quindici giorni offrirà a editori e centri media il nastro di pianificazione con i dati sui 14, 21 e 28 giorni prodotti con una rilevazione aggiuntiva di ben 20mila interviste da cui, spiega Sinisi, “ci aspettiamo un’indicazione precisa di quale sia il mezzo più penetrante in mobilità, una sfida tra radio e Internet”.

“Al di là dei numeri che vedremo tra poco, la differenza tra i due mezzi dovrebbe comunque essere già ben chiara quantomeno agli operatori della comunicazione e dell’advertising”, spiega Sinisi, “entrambi i mezzi sono da considerare commodities perché disponibili su tutte le piattaforme, ma mentre l’utilizzo della Rete è per lo più un’azione obbligata, mirata cioè al raggiungimento di un determinato obiettivo, la radio è un’azione volontaria, viene scelta per il piacere di ascoltarla. Differenza non di poco conto se consideriamo l’atteggiamento e la predisposizione dei fruitori nei confronti dei messaggi pubblicitari”.

                                                         sinisi

Per quanto riguarda i nuovi dati Ter, il presidente Sinisi tiene a sottolineare come “a fronte di una lieve flessione rispetto al semestre scorso, la platea totale degli ascoltatori resta sopra i 35 milioni, segnale di un comparto sempre tonico”.

radio

Nota alla tabelle di confronto: rispetto alla precedente rilevazione annuale Radiomonitor sono cambiate metodologia di raccolta, istituti di ricerca (Gfk Eurisko e Ipsos + Doxa e Reply) e periodo rilevato. Ragion per cui confronti non esistono precedenti omogenei con cui fare confronti.

fonte: primaonline.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *