Radio24: Enrico Ruggeri in “Ciak si vola”

Dal prossimo 9 gennaio, e ogni mercoledì, arriva un nuovo approfondimento de “Il Falco e il Gabbiano”, la trasmissione condotta da Enrico Ruggeri su Radio 24, ogni pomeriggio alle 15. Dopo aver raccontato i protagonisti della grande letteratura con “Sulle Ali di carta”, ora tocca ai personaggi indimenticabili del cinema mondiale. Volti e storie che si sono fissati in maniera indelebile nell’immaginario collettivo di generazioni di spettatori, grazie alla forza del cinema. Un viaggio che porterà gli ascoltatori nell’America d’inizio secolo con Vito Corleone, il Padrino di Francis Ford Coppola, o all’Ospedale Psichiatrico di Salem in Oregon, per seguire la drammatica vicenda di Randle McMurphy, ruolo interpretato nel 1975 da Jack Nicholson nel film “Qualcuno volò sul nido del cuculo”.

Protagonista della prima puntata (il 9 gennaio 2019) sarà proprio il Padrino, primo film della trilogia sulla famiglia mafiosa dei Corleone, nato dalla penna di Mario Puzo e raccontato al cinema da F.F. Coppola, con una magnifica interpretazione di Marlon Brando. Una saga familiare che racconta, dall’interno, il potere della mafia italo-americana negli Stati Uniti del secondo dopoguerra.

Tra le altre puntate previste prossimamente a ‘Ciak si vola’: Jack Torrance (Shining), Chance (Oltre il giardino), Thomas Jerome Newton (L’uomo che cadde sulla terra), Paul Ashworth (Febbre a 90) e tante altre.

Autori del programma:
Simona Capodanno, Francesca Filiasi, Giovanni Savarese, Paolo Buzzone, Fabio Donolato.

Il programma:

Racconti di vite straordinarie, di Enrico Ruggeri
Tutte le vite hanno qualcosa di straordinario. Ci sono storie, spesso sconosciute, di persone normali che nella loro vita hanno saputo dare un colpo d’ala, volare in alto, e fare cose che hanno lasciato il segno. Sono storie paradigmatiche, di chi è riuscito, di chi ha tentato, di chi ha avuto cadute e risalite. Persone che hanno trasportato i loro valori attraverso errori e fragilità. Perché ciascuno di noi nella sua vita può rischiare di cadere ma può anche dare il colpo d’ala che lo porta a volare in alto, come il falco o come il gabbiano.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *