Radio3: Brunello, l’Orchestra Rai e il concerto di Schumann

È il grande violoncellista Mario Brunello il protagonista del concerto dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in diretta giovedì 5 aprile alle 20.30 su Radio3 dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. Vincitore del Premio Čajkovskij di Mosca nel 1986, Brunello è regolarmente invitato a suonare con orchestre come quella di Philadelphia, la London Philharmonic, la NHK Symphony di Tokyo e la Mahler Chamber Orchestra, lavorando con direttori come Riccardo Muti, Myung-whun Chung, Vladimir Jurowski e Valery Gergiev. Per il suo ritorno con l’Orchestra della Rai propone il Concerto in la minore op. 129 di Robert Schumann, composto a Düsseldorf nel 1850, nel giro di una sola settimana: un brano che è tra i massimi capolavori della letteratura violoncellistica.

Sul podio, lo spagnolo Gustavo Gimeno, direttore musicale dell’Orchestre Philharmonique du Luxembourg. Gimeno è richiesto dalle più importanti orchestre del mondo e nella stagione corrente è stato invitato a tornare a dirigere le orchestra di Boston, Cleveland e Dallas, la Royal Concertgebouworchestra di Amsterdam, l’Orchestre national de France e i Wiener Symphoniker.

In apertura di serata viene proposta, inoltre, l’Ouverture D 644 Die Zauberharfe (L’arpa incantata) di Franz Schubert, che il compositore scrisse come introduzione per l’omonima opera teatrale, rappresentata per la prima volta a Vienna nel 1920. A seguire Ode alla natura, il preludio all’opera La leggenda dell’invisibile città di Kitež e della fanciulla Fevronija di Nikolaj Rimskij-Korsakov, che narra la storia della mitica città sommersa dalle acque del lago Svetlyj Jar e così salvata dalla dominazione tartara. Completa il programma la terza suite dal balletto L’oiseau de feu di Igor Stravinskij, realizzata nel 1945 e basata su dieci numeri complessivi dell’intera opera, che fu rappresentata per la prima volta a Parigi il 25 giugno del 1910.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *