Radio3: il concerto di Carnevale dell’Orchestra Rai

Il loro stile è caratterizzato da un’originale combinazione di musica tzigana, jazz e tango, condita con un pizzico di pop. La loro formazione è composta da tre fratelli di Bratislava: Ondrej e Roman, violinisti, František, pianista, e dal cognato di Costanza Julius Darvas contrabbassista. Si sono rapidamente imposti sulla scena internazionale grazie alla loro maestria tecnica e alla straordinaria esuberanza musicale.
Sono lo Janoska Ensemble, protagonista del Concerto di Carnevale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in diretta venerdì 1° marzo alle 20.30 su Radio3 dall’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino. Dal 2013 i quattro musicisti propongono inusuali e personalissime rivisitazioni di brani del grande repertorio classico. Invitati regolarmente nelle più prestigiose sale da concerti, hanno collaborato con grandi interpreti quali Bobby McFerrin, Angelika Kirchschläger, Helmut Lotti e Roy Hargrove. Per la prima volta con l’Orchestra Rai, propongono una selezione di pagine brillanti, raccolte sotto il titolo “Janoska Style goes Symphony”, che comprende brani originali come il Primo movimento dalla Sinfonia n. 1 Impression along the Danube, detto Bratislava (2018), di František Janoska e altri arrangiati da musiche di Wolfgang Amadeus Mozart (Rumba for Amadeus, 2016), Pablo de Sarasate (Tarantella vs Niska Banja, 2016) e Niccolò Paganini (Paganinoska, 2016).
Al debutto dello Janoska Ensemble si accompagna il gradito ritorno del giovane percussionista torinese Simone Rubino, reduce dal successo del concerto dello scorso gennaio con Tan Dun per la rassegna Rai NuovaMusica. Vincitore del concorso ARD di Monaco di Baviera nel 2014 e del Premio Abbiati nel 2018, Rubino collabora con orchestre come i Wiener Philharmoniker, i Münchner Philharmoniker e la Deutsches Symphonie-Orchester di Berlino. Con l’Orchestra Rai guidata da William Eddins, Direttore musicale emerito della Edmonton Symphony Orchestra, Rubino propone Libertango (1974) di Astor Piazzolla, nell’arrangiamento per marimba e orchestra di Ingo Laufs, Dialogo  (2019) per percussioni e orchestra di Roberto Bocca e Marimba spiritual per quattro percussionisti (1983) di Minoru Miki, insieme ai percussionisti dell’Orchestra Rai Carmelo Gullotto, Alberto Occhiena e Emiliano Rossi.
Il programma della serata include in apertura Cartoon (1991) di Paul Hart, ispirato alle sigle delle serie di cartoni animati Looney Tunes e Merrie Melodies composte negli anni Trenta e Quaranta da Carl Stalling. Chiudono la serata l’ironica Marche fatale (2016-2017) per orchestra di Helmut Lachenmann e l’Ouverture dall’operetta Orphée aux Enfers (1858) di Jacques Offenbach, con il suo travolgente Can-can. Il concerto è ripreso da Rai Cultura e sarà trasmesso su Rai5 il 14 marzo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *