Miseria e nobiltà: Lamiaradio intervista Rajae Bezzaz

  • Settembre 11, 2017
  • 0
  • 121 Views

Oggi su Lamiaradio vi proponiamo l’intervista a Rajae Bezzaz. Di origine berbero-marocchina, è nata a Tripoli, ma vive in Italia da quasi 20 anni. Dopo diverse esperienze nel mondo dello spettacolo e la partecipazione al Grande Fratello, Rajae ha lavorato in serie tv e sitcom e ha recitato anche in alcuni lungometraggi. Poi la svolta in tv e in radio. Si appresta infatti ad affrontare la quarta edizione consecutiva come inviata di Striscia la Notizia. In radio è stata speaker a Radio Zeta e da tre anni è al timone, su Rtl, di Miseria e Nobiltà (weekend). Compagno di viaggio nella trasmissione on air il sabato e la domenica Emanuele Carocci. E dalla stagione 2017-18 Armando Piccolillo.

Rajae, due intense stagioni alla guida di Miseria e Nobiltà su Rtl. Quale bilancio senti di tracciare?

Sicuramente un bilancio positivo, fare radio è una delle mie più grandi passioni, un sogno che si è avverato e che mi permette di confrontarmi con dei veri professionisti.

In due anni si sono alternati con te alla conduzione diversi nomi, ultimo Emanuele Carocci. Come sono stati i rapporti con i tuoi partner radiofonici?

Posso assolutamente confermare che c’è feeling, intesa, tanto rispetto e sempre qualcosa da imparare.

Cosa ti ha sorpreso particolarmente del mondo della radio? Te l’aspettavi così a questi livelli? 

La radio continua sempre a sorprendermi, in particolare il ritmo che bisogna tenere durante una trasmissione in diretta, adrenalina pura.

Come sei stata notata da Rtl? Ti ricordi il primo provino?

Stavo lavorando in un altro programma trasmesso da un noto locale milanese ed è arrivata la chiamata, il primo giorno che sono entrata in Rtl ero molto emozionata, mi è bastato mettermi le cuffie e tutto il resto è storia.

rajae

Rtl da qualche anno è anche in radiovisione. Sei favorevole alla radio che si vede in tv?

Assolutamente. Io lavoro anche in televisione da tanti anni, le telecamere non mi imbarazzano e credo sia giusto che il pubblico conosca i volti dei loro speaker radiofonici preferiti.

Per un periodo ti abbiamo ascoltato anche a Radio Zeta. Che esperienza è stata?

Che dire, adorooo la musica italiana degli anni passati, il punto forte di Radio Zeta è la sua programmazione, unica nel suo genere, il suo pubblico è il mio pubblico: vero, nostalgico, romantico…Un po’ come me.

Rtl è la radio più ascoltata in Italia. Quale pensi sia il suo segreto?

Programmazione vincente, speakers interessanti, tutto il team di Rtl è assolutamente sempre innovativo, senza perdere mai di vista il vero carattere della radio, insomma un team vincente.

Qual è l’aspetto di Miseria e Nobiltà che ti piace di più e ci saranno delle novità per la prossima stagione?

A parte il fatto che Miseria e Nobiltà è il secondo programma radio in assoluto ad aver sperimentato la radiovisione in Italia, direi che è stato il susseguirsi e alternarsi di tanti importanti nomi tra i quali Amadeus, Claudio Lippi, Sara Ventura a condurre il programma, ognuno dei quali ha contribuito al suo grande successo. Per le novità dovrete aspettare.

C’è qualche critica che ti ha dato particolarmente fastidio?

Le critiche costruttive sono sempre le benvenute, non accetto la negatività. Correggo in corsa e vado avanti col sorriso, sempre.

A fine settembre ti rivedremo anche a Striscia, quarto anno per te come inviata. Puoi darci qualche anticipazione?

Mi sto preparando in questi giorni, faremo dei servizi anche all’ estero, ma dopo tre anni credo di essere pronta. Vorrei ringraziare tutto il mio team e i miei autori per il loro lavoro e supporto per questa nuova stagione che si annuncia veramente impegnativa.

rajae bezzaz striscia

Cosa ti piace di più quando realizzi un servizio per il tg satirico e cosa ti mette più ansia?

L’ansia riesco a dominarla bene, quando lavoro sono super concentrata.

Fai un saluto a Lamiaradio: italiano, arabo, francese o inglese?

Eh eh eh .. ciaoooo

Antonio Tortolano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *