Rai Isoradio: Sulle strade della Musica

  • Giugno 21, 2021
  • 0

I giovani cantautori si raccontano a Isoradio e Isoradio, la Radio del viaggio, apre il microfono al loro sogno di cantare.

Da una collaborazione tra Rai Radio, Isoradio, SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori e Ministero della Cultura nasce “Sulle strade della musica”, un nuovo spazio radiofonico interamente dedicato a giovani artisti musicali, che grazie ai microfoni di Isoradio potranno far conoscere a tutti le loro sfide, le loro emozioni, le soddisfazioni ma anche le delusioni e la voglia di non mollare e realizzare i loro sogni. Dal 25 giugno alle 19, tutti i venerdì fino al 17 settembre, “Sulle strade della Musica” andrà alla scoperta su tutto il territorio nazionale di chi insegue un’arte antica e popolare, quella di scrivere canzoni. Con Max Locafaro ed Elena Carbonari, gli ascoltatori di Isoradio per tutta l’estate parteciperanno i sogni di tanti giovani cantautori che non hanno trovato ancora il giusto palcoscenico per esprimersi e faranno il tifo per loro. In ogni puntata, 4 artisti scelti con il suggerimento degli Enti patrocinanti, avranno a disposizione uno spazio di circa 10 minuti per raccontarsi e farsi conoscere. Nel format, il modello narrativo alternerà tre tipi di racconto e due brani musicali a scelta dell’artista.

Al racconto impersonale, con una breve scheda in stile curriculare con dati anagrafici e professionali, farà seguito il racconto in prima persona del giovane cantautore che si concluderà con un accenno al suo brano del cuore. Ogni artista sceglierà poi un protagonista delle sue radici, un testimonial che permetterà agli ascoltatori di capire le sue origini: da dove viene, qual è la sua terra, i luoghi, i sapori, il paesaggio della sua anima, quello che ha nutrito la sua creatività.

“Sulle strade della Musica”, non vuole essere un concorso o una gara canora, ma uno spazio per sognare e in cui portare con leggerezza, un segnale di ottimismo e di ripresa per un settore estremamente danneggiato dall’emergenza sanitaria e dalla crisi economica, come quello della musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *